Ricerca per 'twitter'

Avvocati, siete iscritti a Twitter? I tweet appaiono su Google

Google mostrerà i tweet tra le SERP, ovvero tra i risultati di ricerca. Con questa mossa, Twitter punta a incrementare traffico e utenti, Google, dal canto suo, avrà accesso al mezzo miliardo di tweet che vengono pubblicati ogni giorno, in tempo reale, fornendo risultati completi e aggiornati agli utenti.

Leggi tutto

Avvocati e tempo libero: un ossimoro?

Il tempo libero è in diretto conflitto con l'attività dell’avvocato. Pertanto, al fine di trovare il tempo per la famiglia, gli hobby, il cinema o per leggere un libro, gli avvocati devono imparare a dire "no" a certe attività nello studio legale. Oppure conoscono Kleos

Leggi tutto

Avvocati social: ottenete referenze dalla rete di colleghi e non solo dai vostri followers

Il modello del business degli studi legali non è molto differente da quello della vendita di scarpe, basato sulle referenze di chi ha già provato. Generalmente gli avvocati con una solida reputazione non sono alla ricerca di clienti e basta, ma anche di riferimenti e referenze in una rete legale o aziendale.Leggi tutto

Social: moda passeggera o opportunità per gli studi legali?

I social media non sono una moda passeggera. Oggi i social rappresentano la comunicazione, lo storytelling, il marketing. I social media sono flessibili, nel senso che cambiano nel tempo e ti garantiscono diversi risvolti positivi in campo professionale. Ad esempio, Twitter ha iniziato come un modo per inviare aggiornamenti di stato brevi e rapidi e oggi è una fonte di notizie o un modo per organizzare gruppi sul web. Google+ è in continua evoluzione con la sua funzione Hangout, per tenere videoconferenze con più utenti, considerata un’opportunità per gli avvocati negli Stati Uniti.

Leggi tutto

Il mondo selvaggio di Twitter si sta facendo strada tra gli avvocati. Molti di loro, infatti, affermano che è un errore ignorare i commenti, le ultime notizie e le relazioni che possono fornire. Twitter ha iniziato la sua attività nel 2007 e la sua evoluzione da startup a titano dei social media ha cambiato il modo in cui gli avvocati utilizzano la piattaforma. 

Leggi tutto

Avvocati: come farsi considerare esperti in un settore dai clienti

Laptop, iPhone, software professionali per informatizzare il proprio studio legale, libri di diritto, sentenze, ma anche siti web e social network: gli avvocati devono essere sempre aggiornati ma la pubblicazione di notizie o informazioni utili è importante per guadagnarsi una reputazione sul web.

 

Leggi tutto

Avvocati, siti web e social network: i dati di un sondaggio

Un recente sondaggio sulla tecnologia e il settore legale realizzato da ABA negli Stati Uniti ha rilevato che il 62% degli studi legali è presente sui social network, in crescita rispetto al 55% del 2012.

Il 78 per cento degli avvocati gestisce uno o più social network per fini professionali, in particolare, gli avvocati che si occupano di contenzioso sono in prima linea sui social (84%), seguono gli avvocati che si occupano di diritto commerciale (83%) e lavoro (80%).

Leggi tutto

Avvocati: cosa pubblicare sui social network?

I social media non sono solo un canale per parlare della vostra attività 24 ore al giorno 7 giorni su 7. L’esperienza di molti professionisti rivela che il successo deriva dall’equilibrio tra la condivisione della propria professionalità e quella della propria personalità.Leggi tutto

Perché per un avvocato è importante avere un sito web?

Il sito web tra i professionisti? C’è chi crede ancora al passaparola per strada, ma le ricerche ormai si fanno online, dove si accorciano le distanze e si abbatte la barriera del tempo. I clienti vogliono conoscere l’avvocato sul web prima di incontrarlo fisicamente. Avere una buona posizione sul web equivale ad avere preziose referenze.

Leggi tutto

« Precedenti 1 2