Ricerca per ' elettroniche'

La svolta digitale nei rapporti con la Pubblica Amministrazione è stata stabilita con la Legge n. 244/2007 (Finanziaria per il 2008) e solo dopo sei anni il Ministro dell'economia e delle finanze è riuscito nell'intento di emanare il decreto 3 aprile 2013 n. 55 per la sua realizzazione e regolamentazione: già dal 6 giugno 2014 alcuni enti della Pubblica Amministrazione non accettano più fatture che non siano trasmesse in forma elettronica.

Purtroppo non basta la PEC e un file pdf per digitalizzare una fattura, ma è stato istituito un sistema informatico di interscambio che coinvolge un ente centrale, quello delle Agenzie delle Entrate che si occupa dello smistamento delle fatture, ed enti terzi come i liberi professionisti e le Pubbliche Amministrazioni. 

Leggi tutto

E’ accaduto a Torino. L'ipotesi di reato formulata dal pm torinese Raffaele Guariniello per il titolare di una ditta di importazione di ricariche per sigarette elettroniche è violazione del codice del commercio.Leggi tutto

Durante il boom dei telefonini, all’acquisto di ogni ricarica, si pagava un’imposta proporzionale all’importo della ricarica stessa, dovuta come l’equivalente della tassa di concessione governativa, introdotta nel 1995 come estensione del dpr sulla "Disciplina delle tasse sulle concessioni governative" ai telefonini in abbonamento, all'epoca considerati "beni di lusso". 

Questa quota è stata eliminata e ora, se si ricaricano 10 euro, sono solo di traffico telefonico, senza che venga aggiunto il contributo di ricarica.

Leggi tutto