La riduzione delle tasse derivante dal successo della lotta all'evasione arriverà nel 2014, se i risultati saranno positivi come adesso. Tuttavia, entro fine anno, è prevista una redistribuzione dell'Imu tra i comuni e lo Stato. Il ministero dell'Economia conferma l'intenzione di “sistemare” l'attuale ripartizione dei fondi rinvenienti dall'Imu tra Stato e comuni nella Legge di stabilità o comunque entro fine anno.
Il sottosegretario all’Economia, Vieri Ceriani, ha presentato l'ipotesi di fornire la metà del gettito dell'Imu destinato alle casse dello Stato ai Comuni.
Questa ipotesi smorzerà i toni sull'illegittimità della tassa. Per quanto riguarda la diminuzione del cuneo fiscale, cioè l'impatto delle tasse sul costo del lavoro, sono stati stanziati 5 miliardi di euro nel decreto Salva-Italia, per minimizzare, in particolare il cuneo fiscale sul lavoro femminile e giovanile e non ci saranno altri interventi per ridurre la pressione fiscale, almeno per il momento.