PEC - Posta Elettronica Certificata

Il D.L. n.185 del 29 novembre 2008 stabilisce l’obbligo anche per i professionisti iscritti in albi o elenchi di dotarsi di una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC).

In particolare, per avvocati, ingegneri, architetti, consulenti del lavoro, dottori commercialisti ed esperti contabili, la PEC è divenuta obbligatoria a partire dal 29/11/2011.

Che cos’è la PEC?

La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema che consente, tramite l’utilizzo della Firma digitale, l'invio di messaggi e-mail, conferendo valore legale al processo di consegna dei messaggi.

Le caselle di posta elettronica certificata consentono l'invio di posta elettronica con valore legale in conformità a quanto previsto dal Codice Amministrazione Digitale e, nei casi consentiti dalla legge, può essere utilizzata in "sostituzione" della posta cartacea.

Più in generale, è lo strumento da utilizzare in tutte le comunicazioni elettroniche in cui servano le ricevute di invio e di consegna dei messaggi/documenti inviati (Dec. Leg. 7 marzo 2005, art. 48).

I messaggi inviati e ricevuti tramite PEC assumono quindi valore legale analogo alla raccomandata A/R (ricevuta di ritorno).

La Posta Elettronica Certificata garantisce, in caso di contenzioso, l’opponibilità a terzi del messaggio.

Curiosità

  • Nel caso in cui il mittente smarrisca le ricevute, la traccia informatica delle operazioni svolte viene conservata - in base al Decreto - per 30 mesi in un apposito registro informatico custodito dai gestori stessi: tale registro ha lo stesso valore giuridico delle ricevute.
  • A decorrere dal 1° giugno 2009 le notificazioni e le comunicazioni in corso di causa (ex art. 170 e art. 192 cpc) sono effettuate per via telematica all’indirizzo di posta certificata.
  • Il Ministero della Giustizia ha stimato un risparmio di oltre 21.000.000 euro l’anno derivante dall’estensione delle notifiche on-line a livello nazionale.

cedam        Utet        LEggi        IPSOA        OA

UTET GIURIDICA ® è un marchio registrato e concesso in licenza da De Agostini Editore S.p.A. a Wolters Kluwer Italia S.r.l.